Laghetto Il Salmerino Alpino

Giudicarie e Val Rendena

Camping Val Rendena

Giudicarie e Val Rendena
Consigliato da Pescare in Trentino

In primavera, d'estate o in autunno, il Trentino e la pesca conoscono un periodo particolarmente florido. I turisti che visitano la provincia di Trento, oltre a godere delle straordinarie bellezze paesaggistiche e storiche, si interessano anche ad attività oudoor come il trekking, le escursioni e... la pesca. Capita molto spesso che, alla vista di torrenti mozzafiato e laghi meravigliosi, il "sampey" che è nel cuore di ogni ospite incominci a battere, perchè la voglia di pesca è sempre tanta. Cosa fare? Le canne da pesca sono a casa, o magari ne abbiamo portata una da sfoderare nella speranza di una pescata. La soluzione è semplice: andare in laghetto! E tra i laghetti in Trentino ce n'è uno che ho provato in prima persona durante un'indimenticabile vacanza di pesca in Trentino da Camping Val Rendena. Sto parlando del Laghetto il Salmerino Alpino a Vigo Rendena!

Caratteristiche del laghetto

Il Laghetto il Salmerino Alpino è un impianto di pesca sportiva composto da due specchi d'acqua: uno più piccolo, popolato principalmente da salmerini e uno più grande, dove vivono trote iridee, salmerinie qualche fario. È incastonato nel magnifico contesto della Val Rendena, davvero bello e suggestivo. Nonostante si tratti di un complesso artificiale, è infatti piacevole da vedere e da visititare anche durante occasioni come una gita domenicale o una scampagnata fuoriporta. Si alimenta con acqua purissima proveniente dal Sarca. È oggetto di semine frequenti e presenta acque molto pulite, ben ossigenate, dove in primavera, estate ed autunno, guizzano belle prede per la felicità di turisti e pescatori che vogliono divertirsi senza troppi fronzoli. Il laghetto più grande è sicuramente più ampio, ha una profondità di circa tre metri e mezzo e consente la pesca a recupero con esche naturali e artificiali (perfetto per la trota lago o lo spinning). Il laghetto più piccolo, invece, viste le sue dimensioni ristrette, va affrontato con tecniche meno invasive: pesca a mosca no-kill e spinning con amo senza ardiglione, oppure area trout.

Regolamento

La pesca nel laghetto più grande è regolamentata con la formula "peso", ovvero paghi quanto peschi. Non c'è differenza tra il costo della pescata per trote o salmerini, esso è fissato in 7,5€ al chilogrammo. La pesca nel laghetto più piccolo invece è a peso con 7€ al chilo oppure no-kill. In questo caso,il pesce non può essere abbattuto, e si pesca con sistemi che arrechino il minor danno possibile. L'importo per una pescata no-kill nel lago piccolo è di 10 euro per ora. È inoltre possibile affittare attrezzatura, acquistare esche e richiedere la pulizia del pesce pescato. Per maggiori informazioni, costi aggiornati, aperture e chiusure del Laghetto il Salmerino Alpino, consiglio di chiamare il 329-8454764.

Attrezzature consigliate

Per pescare al Laghetto il Salmerino Alpino occorre impiegare una canna da spinning monopezzo o in due pezzi da 2 metri circa, con un'azione non troppo rigida. Una 2/10 o 5/15 grammi è più che sufficiente. Il mulinello, di taglia 2500/3000, potrà essere imbobinato con del nylon dello 0,20/0,22. Si possono impiegare cucchiaini, gomme, con amo provvisto di ardiglione. Personalmente consiglio di usare ami singoli, perchè aumentano la sportività e garantiscono un recupero più divertente, mentre l'ancoretta rischierebbe di "spegnere" il combattimento, smorzando appunto la vitalità delle prede. L'alternativa allo spinning è la trota lago, a striscio o a tremarella. Una canna di 4 metri con azione 2/6 o 3/8 grammi è l'ideale. Per la montatura, suggerisco di utilizzare un vetrino da 4 grammi o un piombino da 3 grammi, terminale tra i 70 e 120 centimetri, amo del n°8 con innesco di un lombrico o due camole. Se optate per la pesca a galleggiante, montate pure una penna di pavone da 3 grammi seguita da una torpille, terminale da 50 centimetri ed il gioco è fatto.

Itinerari nei dintorni

Scopri gli spot di pesca più vicini

Fiume Chiese

Ci sono angoli del Trentino che, per fortuna o per sfortuna, non sono ancora stati vittime del turismo di massa. Quel turismo, costituito anche da pescatori, che rovina un corso d'acqua, arrivando a compromettere la sua vitalità, obbligando a pesanti semine per tenerlo in vita, come se fosse un malato terminale. Questi angoli, reconditi e misteriosi, riguardano non solo i laghi del Trentino, bens

Lago Agostel

Il Trentino può annoverare fantastici corsi d'acqua di tutti i tipi, dai torrenti più impetuosi ai fiumi di fondovalle. Allo stesso tempo può vantare laghi naturali di incommensurabile bellezza, sia in ambiente alpino che nei fondo valle. Tuttavia, per coloro che desiderano una pescata scaccia pensieri, senza dover necessariamente preoccuparsi di munirsi di licenza di pesca e permessi giornalie

Basso fiume Sarca

C'è un fiume in Trentino la cui fama va oltre i confini geografici dell'arco alpino e arriva oltre la Pianura Padana o le lande austriache e tedesche. Si tratta di un fiume che nasce dalle Dolomiti di Brenta, che si muove lungo vallate che solcano montagne e, successivamente, incontra la pianura nella parte bassa, dove lambisce luoghi dalla bellezza paesaggistica unica e spettacolare. Al termine